L’uso dei legumi come alimento di base risale a più di 20.000 anni presenti in alcune culture orientali, mentre i fagioli veri e propri furono coltivati per la prima volta dalle civiltà messicane e peruviane 5.000 anni or sono ed erano molto diffusi sia tra gli Aztechi che tra gli Incas. Sebbene gli storici non siano ancora certi se il fagiolo sia stato introdotto in Europa dopo la scoperta dell’America, è noto che la coltivazione di questo legume prende piede dopo quella data. Il segreto dei legumi è la loro varietà e il loro immenso valore nutritivo e l’Europa trasse immenso vantaggio dall’introduzione di queste nuove varietà. Come ha affermato Umberto Eco, la coltivazione dei fagioli in Europa ebbe un ruolo fondamentale nel salvare gli Europei da un cupo destino di denutrizione: “Senza i fagioli la popolazione europea non si sarebbe raddoppiata in pochi secoli, e oggi non saremmo centinaia di milioni…

Anche nell’ambito della regione alpina dell’Europa si ebbe un incremento della coltivazione di questi legumi. Prima ancora della conquista romana i legumi sono stati un elemento fondamentale nella vita della maggior parte della popolazione della Rezia antica. Nei campi si raccoglievano cereali (farro, orzo, segale, avena, miglio e spelta), ma anche legumi allora conosciuti (fave, piselli, lenticchie, dolici). Ma tra i prodotti del nuovo mondo i fagioli furono i primi ad affermarsi perché mancava l’impatto della novità: in effetti si conosceva sin dall’antichità il dolico, dal seme piccolo e contraddistinto dal minuscolo occhio che lo battezza, che tuttavia godeva di scarsa reputazione gastronomica. In Italia i fagioli “turcheschi” (come veniva chiamata qualsiasi cosa che arrivasse da lontano) comparvero per la prima volta nel 1529, nella montagna veneta e da allora non abbandonarono più le Alpi, perché incontrarono da subito il favore generalizzato del ceto contadino sempre alla ricerca di cibo nutriente che unisse il vantaggio di una pianta dal breve ciclo di vegetazione, che producesse cibo energetico, che riempia lo stomaco e che si conservi facilmente.

Dal punto di vista agronomico queste coltivazioni hanno un impatto ambientale decisamente positivo grazie alle scarse esigenze idriche e di fertilizzazione chimica, in particolare quella azotata (che è anche quella più inquinante) in quanto le leguminose sono piante azotofissatrici, cioè in grado di apportare azoto al terreno in cui vengono coltivate. Sono proprio queste peculiarità che ne hanno reso possibile la coltivazione anche in condizioni pedoclimatiche complesse, come quelle che si ritrovano in alta collina e in montagna, dove le alternative colturali non sono molte ed il rischio di abbandono dei terreni è elevato.


Zolfino - Vuccarossa - Tabacchino - Tigrato di Roccamonfina fagioli %22La Gio%22


Legumi in Val Codera

Anche in Val Codera si resero coltivabili vaste zone, che furono sistemate a terrazzamento con la costruzione di poderose muraglie a secco di sostegno, e fagioli, fagiolini e piselli da centinaia  di anni accompagnano la vita dei valligiani, nelle varietà colurali “di Cudèra”, screziati di beige, o “bianchi”, o “mangiatutto”, coltivati da soli o, meglio, abbinati alla patata ed al granoturco, con la caratteristica distribuzione perimetrale dei sostegni (i “frascùm”).

L’Associazione Amici della Val Codera onlus, in considerazione dell’esistenza di varietà valligiane autoctone di fagioli, rimaste tali a causa dell’isolamento della zona (il capoluogo della valle, Codera, è raggiungibile solo con due ore di cammino, ma rimane vitale ed abitato tutto l’anno), dell’apporto che la montagna può dare alla diffusione della coltivazione di legumi, finalizzata alla salute umana ed alla conservazione della biodiversità del sistema alpino, e delle iniziative da tempo intraprese per la tutela e lo sviluppo coerente del territorio di Codera e della sua biodiversità, ha ritenuto doveroso organizzare una serie di iniziative di divulgazione e di discussione del tema LEGUMI in occasione dell’Anno Internazionale 2016 dichiarato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.


 programma-codera

Legami di Legumi

Due giorni, il 25 e 26 il giugno, di riflessione, degustazione, attività culturali, espositive e didattiche sul ruolo e sull’importanza dei legumi nella dieta alpina, sugli ecotipi maggiormente diffusi e sul rapporto tra coltivazione di legumi e paesaggio agricolo terrazzato. La manifestazione originata dalla collaborazione tra l’Associazione Amici della Val Codera, la Scuola Ambulante di Agricoltura Sostenibile e Slow Food Lombardia prevede un articolato programma di eventi.

Programma legumi_Layout 2

 

 

 

 

 

 

Annunci