Il progetto della “Scuola Ambulante di Agricoltura Sostenibile” riprende l’esperienza storica della Cattedre Ambulanti che portarono nelle campagne italiane competenze e saperi, con l’obiettivo di modernizzare l’agricoltura di fine ottocento. Intorno a queste riflessioni a preso forma una piccola rete composta da coltivatori custodi, da associazioni e piccole imprese impegnate nella valorizzazione della biodiversità, agenti di Sviluppo del territorio e animatori territoriali. Insieme abbiamo avviato – dal giugno 2015 – eventi e lezioni sui temi del recupero e valorizzazione dell’agro biodiversità favorendo lo sviluppo di tecniche di coltivazione a basso impatto ambientale. Sistemi come il biologico, il biodinamico, la permacultura, l’agricoltura rigenerativa, l’agroecologia. Un’agricoltura compatibile e integrata con gli ecosistemi, un’agricoltura capace di perseguire obiettivi di sovranità alimentare, capace di valorizzare le produzioni identitarie, e di favorire il recupero di terreni abbandonati. Un’agricoltura green per una nuova generazione di contadini – custodi, di comunità di pratica, di comunità che sostengono l’agricoltura sostenuta dalla comunità. Un’agricoltura sociale, territoriale, comunitaria e partecipata.

Ma non è solo con la lente della produzione, sia di cibo che di prodotti no food, che guardiamo all’Agricoltura. Le multiformi agricolture di relazione e di comunità rimandano alle funzioni (nuove e antiche) di cura e di custodia del territorio e delle comunità che lo abitano. Così siamo attenti anche alle forme di Bio architettura, alle nuove comunità dell’abitare come gli Ecovillaggi, agli agri asili, e alle comunità delle case di paglia, a forme artistiche come la Land Art. Ma agricoltura significa anche innovazione: vertical farm, agricoltura di precisione, droni, idroponica, packaging, turismo esperienziale, ristorazione di territorio, filiere, distretti biologici e reti d’impresa.

OBIETTIVI della Scuola Ambulante di Agricoltura Sostenibile

favorire il recupero e la salvaguardia della agro-biodiversità, con particolare riguardo per le varietà orticole, frutticole e cerealicole che sono alla base di specifiche diete identitarie;

sviluppare e consolidare la rete esistente di “coltivatori custodi” al fine garantire la sostenibilità futura dell’attività di recupero e salvaguardia dell’agro-biodiversità autoctona;

sostenere la nascita ed il consolidamento di aziende agricole e cooperative che praticano modelli di agricoltura biologica promuovendo forme innovative di multifunzionalità;

rendere effettivo il rapporto tra territorio e produzioni identitarie attraverso la produzione e il consumo di prodotti dell’agro-biodiversità locale, la costruzione di filiere integrate “dalla terra alla tavola”, e il consolidamento di mercati agricoli locali;

promuovere lo sviluppo di collaborazioni fra imprese della filiera agricola attraverso lo strumento delle reti d’impresa

abilitare le comunità di pratica esistenti valorizzandole attraverso strumenti di comunicazione, eventi identitari e progetti di natura tematica;

Chi siamo e cosa facciamo

La Scuola Ambulante di Agricoltura Sostenibile è una rete di attivisti rurali, di piccoli imprenditori agricoli, di imprese cooperative e sociali, di artigiani del cibo e di professionisti dello sviluppo locale. Un’iniziativa coordinata da GianMario Folini e Claudia Angrisani animata da principi di gratuità, condivisione e responsabilità sociale e territoriale. In questa prima fase di startup, la Scuola si autofinanzia attraverso fome di partecipazione volontaria della rete di Animatori di cui è composta. Nasce ufficialmente il 6 giugno 2015 con Lezione “ortive della biodiversità alpina” in collaborazione con l’Associazione Amici della ValCodera (SO).

Una piattaforma supporta le attività della Scuola Ambulante di Agricoltura:

pagina Facebook (clicca per collegarti)  con 37mila like 

Blog con oltre 100mila visualizzazioni

profilo  Instagram, Twitter, Pinterest, Google+ (clicca per collegarti) 

Canale You Tube (clicca per collegarti)

Seminare Cultura e raccogliere Comunità

Eventi

2016

Spirito di patata, evento dedicato alla coltivazione dei tuberi sulle Alpi in collaborazione con l’Ass. Amici della Val Codera, Codera 8 – 9 ottobre

Convegno “Il castagno solo ricordi o risorsa reale” in collaborazione con l’Ass. Amici della Val Codera, Codera, 8 ottobre

Presentazione a Terra Madre Salone del Gusto 2016 del progetto “potere allo sciame per un’apicoltura sostenibile”, Parco del Valentino, Torino, 25 settembre

Presentazione del progetto “Albergo diffuso, granito, biodiversità” in collaborazione con l’Ass. Amici della Val Codera, Codera, 23 luglio

Lezione “Apicoltura di montagna” in collaborazione col Bio-distretto della ValCamonica, Edolo (BS), 9 luglio;

Convegno “Legami di Legumi” in collaborazione con l’Ass. Amici della ValCodera, Codera, 25 giugno;

Lezione “Fare imprese giovanili in montagna” in collaborazione col Bio-distretto della Val Camonica, presso il Museo dell’Industria e del Lavoro, Cedegolo (BS), 11 giugno;

Presentazione del progetto “potere allo sciame” – Festival AgroCulturale, Cascina Ospitale, Rezzato (BS), 29 maggio

Relatori al seminario “Produrre e scambiare valore territoriale tra Contadini e complici”. Cascina Cuccagna, Milano, 19 febbraio;

Lezione didattica “Check up del Gelso monumentale di Ponte in Valtellina” in collaborazione con lo Studio di Arboricoltura di Giussano, Ponte in Valtellina (SO), 13 febbraio.


granito e ortive

2015

Lezione “governance della smart land e biodistretto”, in collaborazione col Polo Poschiavo e Regione ValPoschiavo (CH), 14 novembre;

Lezione “Sapere Diffuso, le cattedre ambulanti di agricoltura di ieri o di oggi”, in collaborazione con AgriCultura Festival, Brescia, 10 novembre;

Lezione “reti d’impresa in agricoltura” in collaborazione con il Politec – Polo d’innovazione della Valtellina, Montagna in Valtellina (SO), 25 ottobre;

Lezione “frutticoltura sostenibile”, Azienda Franchetti Tresivio (SO), 26 settembre;

La Scuola Ambulante sullo Slow Train Valtellina ValPoschiavo for Expo 2015, 25 settembre;

Presentazione del progetto “potere allo sciame” –  Slow Food Theater di Expo 2016, 22 settembre;

Lezione “dalla terra alla tavola”, in collaborazione con SlowCooking e Osteria del Crotto Morbegno (SO), 19 settembre;

Presentazione della Scuola Ambulante e del progetto “potere allo sciame” in collaborazione della Cooperativa Agricola Canedo e Fattoria Tuttindacia, Romagnese (PV);

Lezione “eco-turismo”, Zenith Centro della Montagna Caspoggio (SO), in collaborazione con il comune di Caspoggio, Zenith – centro per la Montagna e Sweet Mountain 25 luglio;

Lezione “apicoltura sostenibile”, Contrada Beltramelli Villa di Tirano (SO), 18 luglio;

Lezione “grani antichi e filiera del pane”, in collaborazione con Lunalpina Fattoria Creativa e Consorzio panificatori della Prov. di Sondrio, Castione Andevenno (SO), 4 luglio;

Lezione “Bitto Storico risorsa territoriale” in collaborazione col Consorzio Salvaguardia del Bitto, Centro del Bitto Storico Gerola Alta (SO), 27 giugno;

Lezione “ortive della biodiversità alpina” in collaborazione con l’Associazione Amici della ValCodera (SO), 6 giugno.

Presentazione della Scuola Ambulante di Agricoltura Sostenibile al seminario “sovranità alimentare, comunità resilienti, e Expo2015”, Movimento per la decrescita felice, Parma 18 aprile

Progetti attivi

«Val Codera» – progetto di sviluppo locale integrato per una comunità resiliente, 2016

«Albergo diffuso e turismo esperienziale» in collaborazione con l’Associazione Amici della Val Codera (So) 2017 

«Potere allo sciame» per un’apicoltura sostenibile, responsabile e consapevole dal 2016

 

 

 

Annunci